Smartphone sempre più mezzo privilegiato per guardare video porno

Un’indagine di Juniper Research evidenzia un boom della pornografia sui dispositivi mobili a livello globale.

porno-smartphone-telefonino

È sempre più porno mania sul cellulare che diventa in modo crescente un mezzo privilegiato per guardare contenuti a luci rosse.

Lo rivela un’indagine di Juniper Research che evidenzia un vero e proprio boom della pornografia sui dispositivi mobili a livello globale.

Secondo le stime della società di analisi britannica, ben 136 miliardi di video per adulti saranno visti sugli smartphone alla fine del 2015, con una media di 348 filmati per utente.

Ma nei prossimi 5 anni gli analisti di Juniper Research, nel rapporto «Digital Adult Content: Market Trends Forecasts and Revenues Opportunities 2015-2020», prevedono un balzo in avanti ancora più significativo dei contenuti porno. Entro il 2020, infatti, in base ai loro calcoli, il numero di video per adulti consumati dall’utenza arriverà alla strabiliante cifra di 193 miliardi, pari ad un incremento percentuale del 55%.

Il maggiore aumento si registrerà negli Stati Uniti mentre negli altri mercati più sviluppati, nell’Europa occidentale in particolare, la crescita sarà di più modesta entità. Anche nei mercati in via di sviluppo, comunque, la pornografia è destinata a diffondersi rapidamente grazie a più disponibilità di tecnologia 4G e wifi e al moltiplicarsi di utenti di smartphone e tablet.

Quanto agli introiti del settore, il cui giro d’affari vale miliardi di dollari, non saranno così spettacolari se paragonati all’enorme incremento dei consumi. I ricavi continueranno ad aumentare, questo è chiaro, ma saranno limitati dall’accesso gratuito ai contenuti pornografici. I guadagni più alti saranno appannaggio di video chat e web cam a luci rosse, specialmente quelle fruibili mediante abbonamento.

Nei prossimi anni, secondo Juniper Research, la pornografia sarà veicolata anche in forme nuove e con modalità tecnologiche all’avanguardia, soprattutto attraverso i moderni dispositivi di realtà aumentata.

commenti