“E’ rotto ? Te lo ripariamo”. Pubblicità sessista a Roma con lato B in primo piano. Ira al Campidoglio.

Bufera a Roma, dove è apparso un manifesto raffigurante il ‘lato B’ di una donna coperto da un succinto pantaloncino jeans nel cui taschino è inserito un telefono cellulare. «Rotto!?! Noi te lo ripariamo!», la scritta che campeggia al lato dell’immagine. «Agosto sempre aperto», quella che compare al di sopra. L’attività che viene pubblicizzata è una clinica di smartphone e computer in zona Appia. Il cartellone compare soprattutto nella zona Sud, ma sta facendo discutere soprattutto sul web dove si è scatenata una vera e propria bufera. Tra i primi a twittare la foto, Selvaggia Lucarelli.

culo_rotto

IRA CAMPIDOGLIO. «Un manifesto indecente e vergognoso per i suoi contenuti sessisti è apparso sugli impianti pubblicitari della nostra città un manifesto indecente e vergognoso per i suoi contenuti sessisti». Così l’assessore alla Roma Produttiva Marta Leonori. «Dopo le segnalazioni dei cittadini abbiamo subito inviato i controlli e avviato le sanzioni – spiega l’assessore Leonori -. Le norme che questa Amministrazione ha varato contro la pubblicità sessista ci consentono di intervenire in maniera diretta ed efficace. Per questo l’Ufficio Affissioni e Pubblicità di Roma Capitale, che ha la competenza sul rispetto delle regole su questo settore, ha subito reagito alla segnalazione della pubblicità che contravviene all’articolo 12-bis del Regolamento approvato lo scorso anno. In quell’ occasione con l’Assessore Alessandra Cattoi e con il sostegno di tutta l’Assemblea Capitolina avevamo inserito un articolo sulle pubblicità che non sono consentite nella nostra città. Con il verbale dei vigili provvederemo a diffidare la società a rimuovere la pubblicità entro 24 ore, trascorse le quali il messaggio sarà non solo sanzionato, ma anche oscurato».

 

 

commenti