Fare yoga completamente nudi, l’ultima moda di New York

Si chiama Nude Yoga la nuova tendenza in fatto di benessere a New York, e mixa Ashtanga, kundalini e Contact Yoga, passando per i punti chiave del Tantra. Unica particolarità: prima di iniziare ci si spoglia di abiti e accessori, in perfetto stile naturistico.

nudeyoga

 

La disciplina veniva praticata già negli anni Settanta, ma è presentata adesso in versione moderna. Lungi dall’avere implicazioni sessuali, l’obiettivo è quello di “spogliarsi” non solo metaforicamente di tensioni e stress, al fine di recuperare equilibrio e serenità dopo una pesante giornata di lavoro.

Atletico e sensuale

«Volevo proporre qualcosa di atletico e al tempo stesso sensuale», spiega Aaron Star, guru della nuova disciplina e trainer del centro Hot Nude Yoga di Manhattan. «Ho pensato che il nude yoga potesse essere il modo perfetto per conciliare le due cose. Lo Yoga, infatti è l’ideale per coloro che vogliono fare allenamento fisico, che vogliono rilassarsi e contemporaneamente socializzare».

Liberarsi dai tabù

Il Nude Yoga è anche un modo per liberarsi da blocchi e tabù, per ritrovare la dimensione pura dell’essere. «I benefici sono più che altro mentali», aggiunge Star. «Spesso ci vergognamo del nostro corpo e a causa di questo imbarazzo ci inibiamo e perdiamo molte occasioni. Il Nude Yoga aiuta a ritrovare confidenza con se stessi, ma anche a sperimentare qualcosa di spirituale e avere contatti con altri individui senza implicazioni sessuali».

Le star di Holliwood nude

Rivolto a uomini e donne, il corso non è comunque dei più economici. La versione base costa 1350 dollari, (970 euro circa), e per seminari di 4 giorni la cifra si può aggirare attorno ai 600 dollari (430 euro). Tra gli appassionati di Nude Yoga ci sono star Hollywoodiane come Nicolas Cage e Halle Berry. Ma la lista di adepti sembra destinata ad ampliarsi, visto che il fenomeno si è già esteso anche in Europa: centri specializzati sono sorti infatti a Londra, Madrid, e persino a Mosca.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo su Facebook o su Twitter: basta premere il bottone apposito proprio qui sotto! Grazie!

commenti