Escort e prostituzione in Italia

Le escort in Italia sono bandite, lo vieta la legge, sin dal 1958, a seguito della legge Merlin, con cui venne recepita la Convenzione di New York, appellandosi al modello abolizionista. La legge porta il nome della deputata socialista che la propose e portò alla chiusura delle case chiuse con il divieto di praticare la prostituzione anche in case private. Il principio è quello della limitazione della prostituzione non con il divieto diretto ma tramite lo “sfruttamento di un’altra persona anche se consenziente“, tra cui anche il “mantenimento, direzione o amministrazione o contributo a finanziare una casa chiusa“. Recentemente sulla prostituzione legale è stato presentato un disegno di legge firmato dalla senatrice del PD Maria Spilabotte e da Alessandra Mussolini di Forza Italia. L’obiettivo è proprio quello di regolarizzare la prostituzione. La proposta di legge comprende un patentino professionale, l’apertura di una partita IVA per pagare le tasse, l’opportunità di prostituirsi in appartamenti in base ad un permesso ottenuto dal Comune e dei controlli psicofisici da effettuare.

prostituzione escort

commenti